HomeItinerariI luoghi simbolo di Venezia

I luoghi simbolo di Venezia

A Venezia ci sono molte cose da vedere, e purtroppo in una vacanza – breve o lunga che sia – non è possibile includere tutto.

È bene quindi informarsi in modo dettagliato prima di partire, e pianificare un itinerario “intelligente” che vi permetta nel tempo che avete a disposizione di vedere – senza faticare troppo –  il maggior numero di luoghi simbolo di Venezia.

Di seguito la redazione di Venezia Help ha cercato di raccogliere e suddividere per tipologia le principali zone e attrazioni più “significative” della città.

Sestieri

Il sestiere è ciascuna delle sei parti in cui è divisa una città. Termine coniato nel XIV secolo nella Serenissima nonostante il passare del tempo è rimasto.

Non si tratta di luoghi simbolo di Venezia, bensì di quartieri che al loro interno racchiudono emblemi della Serenissima. Ci limiteremo a elencarli affinché possiate avere una panoramica generale sulle zone in cui è suddivisa Venezia.



I ponti

La Serenissima è interamente costruita sull’acqua, a collegare una calle(strada) all’altra sono i ponti.
Se ne contano più di 470 (isole comprese) ma il loro numero cambia con una certa frequenza, per la costruzione di nuovi e la demolizione di vecchi. Realizzati in pietra, legno e ferro i ponti più famosi di Venezia sono:

  • Il Ponte di Rialto, è il più conosciuto di Venezia, lungo 28 metri, in origine di legno e veniva utilizzato per il transito delle navi. Solo a fine ‘500 fu ricostruito in pietra.
  • Il Ponte dei Sospiri. Situato tra Palazzo Ducale e le Prigioni Nuove, secondo la leggenda il nome deriva dai lamenti (sospiri) dei detenuti che lo percorrevano.
  • Il Ponte dell’Accademia, realizzato nel 1933 in soli trentasette giorni, nacque dalle ceneri di un altro. E’ una tappa fissa per chi vuole ammirare il Canal Grande e tutto il Bacino di San Marco.
  • Il Ponte degli Scalzi, conosciuto anche come Ponte della Ferrovia venne realizzato a metà Ottocento per velocizzare gli spostamenti dalla stazione dei treni all’altra sponda del Canal Grande.
  • Il Ponte della Costituzione o Calatrava, realizzato nel 2008 è il quarto cavalcavia sul Canal Grande, collega la stazione dei treni a Piazzale Roma. Fate attenzione: il pavimento è in vetro e in caso di pioggia o umidità il rischio di cadere è elevato.

Gondola in Canal Grande

I palazzi

Dai maestosi palazzi sul Canal Grande, a gioielli nascosti tra calli e callette, nella Serenissima non mancano capolavori architettonici appartenuti in passato a importanti personalità della città lagunare.

Tra i più emblematici troviamo:

  • Palazzo Ducale, il più celebre e conosciuto della laguna, è un capolavoro di architettura gotica.  In passato fu la casa del doge e dei magistrati della Repubblica.
  • Palazzo Vendramin, affacciato sul Canal Grande è un capolavoro rinascimentale, oggi sede del Casinò di Venezia.
  • Palazzo Contarini del Bovolo, in stile tardogotico, la cosa che colpisce di più di questo edificio è sicuramente la sua scala a chiocciola (bovolo in veneziano) dalla quale si ha una delle visuali più belle della città.
  • Ca’ Foscari, oggi sede dell’omonima università, l’edificio si trova nel sestiere di Dorsoduro, e ricorda in certi particolari Palazzo Ducale.

Le chiese

La Serenissima, oltre ad essere conosciuta in tutto il mondo per i suoi monumenti, è nota anche per il consistente numero di chiese, se ne contano infatti quasi 150.
Di seguito ci limiteremo ad elencare le principali, ma se siete interessanti agli edifici di culto della città, vi consigliamo di leggere l’articolo inerente ai tour delle chiese a Venezia, dove troverete itinerari e maggiori informazioni per approfondire l’argomento.

  • Basilica di San Marco
  • Basilica dei Frari
  • Basilica di Santa Maria della Salute
  • Chiesa di San Giorgio Maggiore
  • Basilica dei Santi Giovanni e Paolo

I monumenti

Si potrebbe affermare che tutta Venezia è un monumento, se guardiamo all’etimologia della parola. In questo breve paragrafo inseriremo due luoghi emblematici di Venezia, racchiusi in Piazza San Marco che rientrano in tutti gli itinerari turistici, sia per la loro posizione, sia per l’importanza che hanno per la città.

La Torre dell’Orologio

Situata in fianco alla Basilica di San Marco, la Torre dell’Orologio venne realizzata nel ‘400 in stile rinascimentale. Spiccano nell’edificio i bronzei “Morì”, due statue che battono le ore sulla campana.

La colonna di San Marco e San Todaro

Posizionate all’ingresso di Piazza San Marco, quasi fossero due porte di accesso, le colonne realizzate in marmo e granito rappresentano i due santi della Serenissima: il Leone Alato è allegoria di San Marco, San Todaro è invece il protettore della città.

I teatri

Edifici meno noti, ma veri e propri luoghi simbolo di Venezia sono i teatri. Luoghi in cui godersi una serata diversa nella Serenissima a contatto con la cultura e la tradizionedella città lagunare.
I principali teatri di Venezia sono:

  • La Fenice
  • Teatro Malibran
  • Teatro Carlo Goldoni

Se siete interessati a questo tipo di attrazione, vi consigliamo di approfondire leggendo il nostro articolo sui teatri veneziani.

I musei

Una rassegna dei principali luoghi simbolo di Venezia non può dirsi completa senza i musei.

Nel nostro sito un’intera pagina è stata dedicata ai musei veneziani, qui, vi anticipiamo i principali:



Come vedere il maggior numero di luoghi simbolo?

Ogni angolo della Serenissima custodisce un luogo simbolo, ecco perchè molto spesso Venezia viene definita un museo a cielo aperto, ogni sua parte ha contribuito – e contribuisce – a scrivere una pagina della storia di questa città, perla indiscussa dell’Adriatico.

In un soggiorno a Venezia risulta complicato vedere con attenzione tutte queste attrazioni, e probabilmente non basterebbe una vita intera per farlo, ma non c’è da scoraggiarsi, un compromesso si trova!
Nel nostro sito, potete trovare proposte di itinerari che comprendono alcuni di questi luoghi, dal Weekend a Venezia, a più giorni. 

Oltre a ciò, avendo tempo e pazienza è possibile arrangiarsi e organizzare itinerari fai-da-te.

Itinerari fai-da-te “intelligenti”

Organizzare un itinerario fai-da-te nella città necessità di diversi fattori, primo tra tutti il tempo.
Per programmare un percorso “intelligente” che vi consenta di ammirare gran parte dei luoghi simbolo di Venezia, senza troppa fatica, evitando camminate inutili, dovete avere a disposizione un periodo più o meno ampio per informarvi dettagliatamente.

Navigando in internet si possono trovare diversi aiuti, il nostro consiglio è quello di decidere prima cosa vedere, e dopo programmare il come, ricordandovi di controllare orari e modalità d’ingresso delle varie attrazioni.

Vi suggeriamo di dare un’occhiata al nostro articolo sulle 12 attrazioni principali di Venezia.

Tour dei luoghi simbolo di Venezia

Alternativa alla modalità fai-da-te è il tour guidato, ideale per chi – per ragioni di tempo o scelta – non vuole programmare le vacanza in autonomia.

Affidarsi a una guida, soprattutto ad inizio vacanza, è il modo migliore per approcciarsi alla città.

Prenotando il tour dei momenti salienti avrete la possibilità di ammirare alcuni dei principali luoghi simbolo di Venezia, di accedere a Palazzo Ducale e alla Basilica di San Marco. Un modo per entrare in contatto diretto con la città, affiancati da una guida esperta, che oltre a raccontarvi storie e aneddoti delle varie attrazioni, vi darà consigli utili per il vostro soggiorno nella Serenissima.

Un primo assaggio della città lagunare, che poi nei giorni seguenti potrete approfondire, scegliendo di visitare i luoghi più in linea con i vostri gusti e interessi. 

Basilica-San-Marco

Tour dei luoghi simbolo di Venezia

Immergiti con una guida esperta alla scoperta dei luoghi emblematici della città, goditi una visita guidata di alcune ore alla scoperta di Piazza San Marco, dei suoi monumenti, cammina per le calli della città tra ponti, palazzi e chiese.

Compreso nel prezzo avrai i biglietti di ingresso a Palazzo Ducale e alla Basilica di San Marco, e la possibilità in caso di qualsiasi problemi di cancellare il tuo tour fino a 24 ore prima, con un rimborso totale.

Condividi Con:
Nessun Commento

Lascia Un Commento