HomeItinerariUna settimana a Venezia

Una settimana a Venezia

una settimana a venezia

Una settimana a Venezia è il tempo giusto per godersela appieno in tutte le sue sfaccettature, facendovi apprezzare quello che di più bello e caratteristico può offrirvi questa città, ricca di storia e tradizione. Riuscirete a fare e vedere tante cose tra cui: andare per bacari, giri in gondola, tour in vaporetto, visitare le tantissime chiese e i vari musei per una vacanza unica e un’opportunità da non perdere!

Cosa offre Venezia in una settimana?

Venezia è una città non troppo estesa a livello di superficie ma non per questo è poco ricca di museo, opere d’arte e cose da vedere. Inoltre, se state pensando di trascorrere una settimana a Venezia in questo articolo troverete molti spunti e indicazioni anche per le isole minori (tra cui Murano, Burano, Torcello) e città d’arte nelle vicinanze come Treviso e Verona.

Come arrivare a Venezia?

Ci sono vari modi per raggiungere Venezia ma sicuramente per una settimana spiccano due mezzi di trasporto: il treno e l’aereo. La stazione ferroviaria di Venezia Santa Lucia è collegata con tutte le principali stazioni d’Italia (Roma, Firenze Napoli…) e grazie alle frecce diventa non solo conveniente (sia a livello di tempo che di denaro) ma anche comodo perché si raggiunge il centro storico direttamente, senza atri mezzi. Per informazioni più dettagliate si rimanda al sito di Trenitalia o a Italo.

una settimana a venezia santa luciaL’aereo invece può essere conveniente se arrivate da un po’ più distante (tipo Roma o Palermo) e magari avete trovato un’offerta allettante, meno onerosa del treno. I due aeroporti principali per raggiungerla sono il Marco Polo di Tessera (con autobus o collegamenti in motonave via acqua si può raggiungere facilmente Piazzale Roma o Piazza San Marco) e il Sant’Angelo di Treviso (30 minuti si raggiunge la città in taxi o più conveniente autobus). Potreste dare un occhiata al sito di Expedia se trovate qualche offerta per la vostra vacanza a Venezia.

Come ci si muove per la città?

Una volta arrivati ci sono due soluzioni principali per muovervi in città: o a piedi o in vaporetto. Il capoluogo veneto essendo costruito sull’acqua non può essere percorso in macchina e quindi se non volete camminare a piedi tra calli e ponti (435) dovrete prendere il traghetto ( 7,50 euro corsa singola) e vi consigliamo di guardare i biglietti speciali e quelli da 1, 2, 3 giorni oppure una settimana (se pensate di usufruirne per più di una corsa).

I biglietti si fanno alle biglietterie (anche automatiche) al di fuori degli imbarcaderi oppure una volta saliti ma dovete avvertire subito il controllore. Le linee permettono di collegare tutte le zone della città ma occhio alle diverse linee e ai sensi di marcia (essendo circolari la maggior parte). Per le altre informazioni visitate il sito dell’ACTV.

una settimana a veneziaCosa vedere a Venezia?

Venezia è piena di musei, chiese, ponti, luoghi d’interesse storico ma noi ci limitiamo a darvi una breve panoramica sulle principali zone (divisa in 6 sestieri) e su quello che potete visitare con priorità, un sorta di “tappe obbligatorie”:

  • Il sestiere di Castello si collega al sestiere di Cannaregio tramite il Ponte dei Santi Giovanni e Paolo ed anche con la Riva degli Schiavoni per mezzo del Ponte della Paglia. Ricordiamo inoltre che questo è l’unico sestiere che non si affaccia al Canal Grande, ma in compenso ingloba tutto l’immenso complesso dell’Arsenale. Una parte del grande complesso ospita ora le esposizioni d’arte contemporanea della Biennale di Venezia, circa un quarto, che consigliamo di visitare sia agli esperti di arte che ai turisti più curiosi perché possono essere molto interessanti. Infine fate una passeggiata tra i Giardini Pubblici che costituiscono la parte di vegetazione più estesa della città. Nello stesso anno fu realizzata Via Garibaldi, oggi piena di vita e ricca di negozi, bar e ristoranti di ogni genere. In più ogni mattina è allestito un mercato di frutta, verdura e pesce.
  • La zona di San Marco offre oltre la famosa Piazza anche altre attrazioni, infatti potreste fare una breve visita al Palazzo delle Prigioni per vedere dove venivano rinchiusi i prigionieri i percorsi che effettuavano i reclusi. Adiacente al Palazzo dei Prigionieri, merita una visita il Palazzo Ducale (meglio prenotarlo online il biglietto sul sito ufficiale per risparmiare tempo) e sapere tutti gli orari, i giorni di chiusura e altre informazioni tra cui l’accessibilità. Nel sito del palazzo potreste trovare anche il biglietto per visitare gli “itinerari segreti” e se non volete perdere troppo tempo in coda all’ingresso allora dovreste comprare il biglietto salta la fila a Palazzo Ducale. Un altro posto che merita una visita è senz’altro la Basilica di San marco che rappresenta il più maestoso dei monumenti veneziani che più di ogni altro simboleggia la grandezza della Serenissima. Dato l’alto afflusso di turisti che attira ogni giorno consigliamo di acquistare il biglietto salta fila che vi permetterà di fare tour con guida specializzata non solo alla Basilica ma anche al Palazzo Ducale (due piccioni con una fava).
  • San Polo invece è il più piccolo sestiere e qui si trova il campo più grande di Venezia. Le storiche mura di Campo San Polo sono testimonianze di una parte molto curiosa della storia della città, detta anche “Venezia Libertina”, con personaggi come Casanova.Oggi nel campo S. Polo si affacciano antichi palazzi signorili come: Scuola Grande di San Rocco era la sede di una confraternita di veneziani benestanti dediti ad opere benefiche e prende il nome dal corpo di San Rocco, qui custodito. Nel 1564 la Confraternita affida a Tintoretto il compito di decorare la Scuola. Raggiungibile a piedi o con il vaporetto (fermata San Tomà linea). In questa zona potreste visitare Il Palazzo Corner Mocenigo, un museo inserito in un palazzo nobiliare vicino a Rialto in un posto facilmente raggiungibile a piedi dalla Stazione o con il vaporetto (fermata S. Stae).
  • Il sestiere di Cannaregio è uno dei più vasti sestieri di Venezia ed è situato tra il sestiere di Castello e il sestiere di Santa Croce, a cui è collegato attraverso il Ponte degli Scalzi. Tra le più importanti Chiese ci sono la Chiesa di Santa Maria dei Miracoli, particolare perché decorata con immagini di sirene anziché le classiche immagini religiose, la Chiesa della Madonna degli Orti, con dipinti di Tiziano e la Chiesa dei Carmelitani Scalzi, originariamente affrescata da Tiepolo, fu distrutta da una bomba durante la guerra. Ciò che resta dell’affresco e oggi visibile alle Gallerie dell’Accademia.
  • A Dorsoduro, prima di addentrarvi nel sestiere (se siete in zona San Marco), dovreste superare il ponte dell’Accademia, il quale doveva essere un ponte provvisorio e durare solo alcuni anni. Una volta arrivati nel punto più alto, non dimenticarti di far un giro a 360° per vedere tutte le bellezze presenti nei dintorni. Ai piedi del ponte si troverete le Gallerie dell’Accademia, fonte antica e unica al mondo illustrante la storia della pittura veneziana dal Trecento al Settecento. Nella Galleria è possibile ammirare capolavori di estremo fascino, tra cui: “La Tempesta” di Giorgione; la “Pietà di Tiziano” e opere d’arti di Tintoretto e Veronese. Il sestiere Dorsoduro unisce turisti, studenti universitari e veneziani doc ed è il luogo ideale per fare una pausa. Nella piazza centrale, Campo Santa Margherita, i locali si chiamano in base al colore, c’è il bar blu, rosso, arancione o nero dove ci si può fermare per riprendersi dal tuor nella città lagunare provando i famosi stuzzichini nei bacari veneziani. Ci sono anche moltissimi negozietti artistici e ottimi ristoranti, tuttavia il Ponte dell’Accademia è un ottimo collegamento per raggiungere le parti più turistiche della città.
  • Il sestiere di Santa Croce, così chiamato in onore della Santa Croce di Gerusalemme, è il più piccolo sestiere di Venezia ed è collegato alla zona di Dorsoduro e al sestiere di San Polo.  Attraversando il Ponte degli Scalzi è inoltre possibile raggiungere Cannaregio, in cui si trova la stazione dei treni di Santa Lucia. Il quartiere è uno tra i meno conosciuti dai turisti, perché non è zona di passaggio obbligato. Santa Croce è il sestiere con la minor presenza di chiese e monumenti. Meritano una visita la chiesa di San Giacomo dell’Orio, la chiesa di San Simeon Grando, la chiesa di San Simeon Piccolo e la chiesa di San Nicola da Tolentino, in cui si trova il convento dei Tolentini, oggi sede dell’Università di Architettura (IUAV). Di grande importanza artistica è Ca’ Pesaro, uno dei più significativi edifici storici della Serenissima, in cui è allestito il museo d’arte moderna e contemporanea. Infine suggeriamo una visita a Palazzo Corner, sede dell’archivio della Biennale e a Palazzo Mocenigo, oggi museo del Tessuto e del Costume. Infine per i vostri bambini vi potrebbe interessare nella zona del Fontego dei Turchi, il Museo di storia naturale.

mappa sestieri venezia 3 giorniCosa fare a Venezia?

Di cose da fare a Venezia una settimana ce ne sono e parecchie. Vi guideremo e vi consiglieremo sulle cose che dovreste prendere in considerazione per dire di essere stati in vacanza nel capoluogo veneto:

Tour in gondola

Sicuramente è tra le prime cose che affiorano alla mente quando si pensa alla Serenissima. Il giro in gondola rappresenta una delle principali attrazioni ed è considerata uno dei simboli di Venezia. Non esiste nulla di simile sparso per il mondo ed è ciò che rende unica la città.

Infatti ti permette di osservare la città dal basso mentre si viene cullati dall’acqua e dal movimento del remo del gondoliere. Quindi perché non decidere di fare un giro in gondola a Venezia tra i diversi itinerari che vi proponiamo nell’articolo di Venezia Help.

tour gondola venezia un giornoTour in vaporetto

Dall’imbarcadero della ferrovia o di Piazzale Roma, la linea 2 che vi permetterà (ad un costo basso) di fare il giro panoramico in vaporetto di Venezia (circa 60 minuti). Potrete acquistare il biglietto nelle biglietterie automatiche poste al di fuori dell’imbarcadero. Altrimenti se partite già con l’idea di usufruire del traghetto allora prenotate il biglietto sul sito dell’azienda pubblica ACTV che effettua il servizio.

Qui troverete le varie linee (con le fermate), gli orari, i prezzi,alcuni biglietti speciali (come quelli a tempo) e altre informazioni utili tra cui l’accessibilità, servizi di emergenza ecc…. Noi consigliamo di fare il tour di notte perché potreste vedere Venezia come non l’avete mai vista, illuminata e vestita da sera.

Colazione caffè rinomati

La colazione è un momento importante della giornata e a Venezia ancora di più visto che camminerete su e giù per i ponti tutto il giorno (a meno che non vogliate spostarvi sempre in traghetto). Per cui tra le varie alternative su dove fare colazione a Venezia (per chi non ha tempo da perdere) sono di provare le pasticcerie sparse un po’ in tutta la città (oppure il classico bar). Ma non preoccupatevi, ci sono anche delle validissime alternative per chi mangia cibo senza glutine!!

Per gli amanti della Venezia più classica e che non badano al portafoglio, invece il consiglio è quello di sedersi ai tavolini di uno dei caffè storici di Piazza San Marco, come il Caffè Florian, proprio come facevano negli anni passati i principali personaggi della storia della letteratura e dell’arte italiana ed estera

caffè florian venezia una settimanAndare per bacari

A Venezia l’aperitivo è un vero e proprio rito. Se volete gustare uno spritz o un “ombra”, troverete tanti bacari e osterie dove brindare alla giornata appena trascorsa tra uno stuzzichino e un bicchiere di vino (consigliamo la zona intorno a Rialto).

I bàcari sono una specie di baretti, dove potrete scoprire i sapori tipici dell’enogastronomia veneziana in un ambiente rustico e conviviale, il tutto a un prezzo ragionevole. I veneziani li frequentano soprattutto per bere un’ombra di vino accompagnata da cicchetti vari, come una fetta di pane con salumi vari, polpette, sarde in saòr, baccalà mantecato e chi più ne ha più ne metta.

Se lo spritz o il vino vi piace, ma anche il pensiero di mettere qualcosa in pancia non vi dispiace, provate il tipico “scartosso”, ovvero cartoccio con fritto da passeggio, accompagnato da un bicchiere di vino oppure provate uno dei tanti cicchetti tipici veneziani (sarde in saor, crostini con affettati, polpettine, ecc…).

In zona stazione c’è anche il molto frequentato e poco turistico bar Da Lele (frequentato molto dagli studenti e sempre pieno, chiuso il sabato), dove gustare degli ottimi e abbondanti aperitivi in stile veneziano, decisamente a buon mercato.

Le zone più ricche di bacari (sono quelle di San Polo e Cannaregio). Mentre se cercate qualcosa di più defilato vi conviene spostarvi in direzione Castello. Di sicuro l’esperienza di un tour a Venezia per i bacari sarà molto più “veneziana” di un classico ristorante (e il vostro portafogli vi ringrazierà).

Vedere il tramonto

tramonti a venezia una settimanaIn alcune zone, lontane dai percorsi turistici, si respira silenzio e magia e la città sembra quasi surreale. Finché non vedi il tramonto a Venezia, non puoi renderti pienamente conto del perché molti la considerino la città più romantica del mondo. Ecco alcuni punti da cui potreste osservare il tramonto:

  • il tramonto in Piazza San Marco non è facile da vedere e secondo noi i punti migliori sono la terrazza dell’Hotel Danieli o ancora meglio, la vetta del campanile di San Marco.
  • il tramonto dal Ponte di Rialto sarà anche una cosa da turisti ma salire tutto il ponte e sporgersi a guardare il sole che scende è sempre un’emozione.
  • il tramonto dalla Giudecca accompagnato magari da un buon gianduiotto o biscotto tipico veneziano
  • il tramonto sull’isola di San Giorgio con vista della Laguna e di Piazza San Marco è qualcosa di impagabile e super romantico.

Venezia di notte

I giovani, gli universitari e molti veneziani preferiscono la zona di Campo Santa Margherita. Se cercate la vera movida di Venezia, questo è il posto da non perdere. Qui troverete bar, locali, ristorantini ed enoteche, dove divertirvi con gli amici (o perché no passare una serata romantica).

Chi ama la birra non potrà perdersi il pub Il Santo Bevitore, a pochi minuti dalla stazione dei treni, dove le birre sono di gran qualità e spesso c’è anche musica dal vivo. Se amate la musica jazz, non perdete il Venice Jazz Club, vicino a Campo di Santa Margherita, a Dorsoduro. Concerti live, cocktail e buon vino saranno i compagni della vostra serata in questo interessante locale.

Per i più romantici perdetevi tra le calli e sostate sulle rive dei canali, magari sorseggiando un buon bicchiere di vino, facendovi accompagnare dal rumore dell’acqua e dal silenzio che si respira in lacune zone poco frequentate (Castello e Cannaregio).

Dove mangiare?

Venezia in alcune zone (come San Marco) non è affatto a buon mercato ma con un po’ di arguzia potreste scoprire posti dove si paga poco e si mangia bene, ideale per chi ha poco tempo e vuole degustare un pranzetto veloce. Per questo occorre capire dove mangiare a Venezia spendendo poco a seconda della zona in cui vi trovate.

trattorie una settimana a veneziaIn alternativa potreste provare il famoso Hard Rock Cafè (il più piccolo d’Europa) che è proprio ai margini di essa. Per gli intenditori e per chi è già stato in altre località d’Europa, vi ricorderete sicuramente che è uno di quei posti che richiama un sacco di persone ed è normale prassi attendere il tavolo per un po’ di tempo. Per evitare la coda e non perdere troppo tempo conviene acquistare un biglietto che prevede un pasto all’Hard Rock Cafè con posti prioritari.

Per gli amanti del buon cibo senza badare a spese, vi elenchiamo dei ristornati dove potreste coccolarvi un po’ grazie al livello dei servizi offerti e alle ottime pietanze (piatti tipici della tradizione veneziana):

  • Potreste provare in calle degli Albanesi, a poche decine di metri da piazza San Marco, il Ristorante alla Basilica dove il menù proposto è davvero ampio. Si possono scegliere tra tanti diversi piatti di carne o pesce, tutti cucinati al momento con prodotti freschi. Ciò che attrae i viaggiatori verso questo locale è il menù a prezzo fisso: si può scegliere un primo, un secondo e un contorno, tra quelli proposti, ad un prezzo vantaggioso
  • Ristorante da Mario alla Fava con una cucina legata alla tradizione tipica veneziana, senza dimenticare la ricerca all’innovazione dei piatti. Il ristorante si trova in Calle dei Stagneri al numero 5242, tra il ponte di Rialto e San Marco.
  • Il ristorante “Al Giardinetto da Severino” è situato a Venezia, nel Sestiere di Castello, a pochi minuti da Piazza San Marco. ristorante “Al Giardinetto da Severino” propone piatti tipici della tradizione culinaria veneziana tra cui le Sardele in saor, le seppie alla veneziana con polenta, la gransegola alla veneziana, canoce (cicale di mare) e falpoti (polipetti) lessi ed altre leccornie.
  • L’Enoteca al Volto si trova nel Sestiere San Marco (una delle sei zone in cui è divisa Venezia, corrispondente al “quartiere” delle altre città), in fondo a Calle Cavalli. I piatti cucinati sono semplici e genuini: tutti preparati secondo stagionalità e con materie prime acquistate al vicino mercato di Rialto. La specialità del ristorante è il pesce, sempre freschissimo: bigoli in salsa, spaghetti al nero di seppia, tris di baccalà con polenta.
  • Per gli amanti della cucina vegana o per chi volesse mangiare vegano  a Venezia, rimandiamo al nostro aticolo dove troverete tutte le informazioni che cercate al riguardo.

Venezia e le isole

tour delle isole venezia tre giorniVenezia è l’isola più grande di tante isole e isolette che la circondano. Per cui avendo a disposizione non poco tempo, in una settimana riuscirete a visitare anche qualche isola vicina. Quelle più caratteristiche che secondo la nostra esperienza vale la pena visitare sono Murano, Burano, Torcello e naturalmente il Lido di Venezia. Prima di tutto però dovreste informarvi sul sito dell’ACTV sulle linee che vi permetterebbero di raggiungere ciascuna isola, con gli orari, i biglietti e altre informazioni:

Murano

A Poca distanza da Venezia, facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici, sorge un isola soprannominata “l’Isola dei fuochi“, meglio conosciuta come l’isola di Murano, famosa per l’arte dei maestri vetrai che con la loro esperienza, tramandata di generazione in generazione, lavorano il vetro per trasformarlo in opere uniche e inimitabili. Intendiamoci, non è l’unica isola che circonda la Serenissima ma è unica nel suo genere e non può mancare una visita

Burano

Burano è un’isoletta, ricca di alternative, che vi saprà affascinare con la sua storia e le sue attrazioni caratteristiche. Un’opportunità per addentrasi nella Venezia meno turistica e più caratteristica che renderanno la vostra vacanza unica. Tra le altre cose che l’isola ha da offrire ci sono le coloratissime abitazioni e i prodotti tipici come merletti e pizzi, oltre che al molto “particolare” campanile pendente (sia a chi decide di esplorarla in lungo e in largo, sia a chi decide per una breve visita fra le attrazioni principali).

Torcello

Una fra le isole lagunari più famose per storia e tradizioni è sicuramente Torcello (primo insediamento della Serenissima) una volta più ricca e più potente della stessa Venezia. Se avete intenzione di visitare questa zona rimasta quasi immutata nel corso dei secoli,  sappiate subito che sarete immersi in un’ambiente misterioso e suggestivo, dove la quiete è in assoluto uno fra gli elementi che contraddistingue la località (sono rimasti solo una decina di abitanti).

Tour tra le isole

Le isole possono essere visitate comodamente attraverso i collegamenti dei vaporetti ACTV, basta andare sul sito per trovare la mappa con le varie linee e orari per capire come raggiungere una particolare isola piuttosto che un’altra. Ma se avete intenzione di visitare più di una delle tante isole che circondano Venezia allora noi vi consigliamo di dare un’occhiata ad un tour tra le tre isole più conosciute e caratteristiche che dovrebbero essere una tappa obbligatoria per chi viene in vacanza a Venezia.

Un occasione da non farvi scappare che vi permetterà di visitare oltre che Murano con i suoi vetri artistici lavorati (potete trovarli anche a Venezia ma a prezzi non proprio convenienti), anche la pittoresca Burano, famosa per i merletti. Inoltre, incluso nel prezzo del biglietto, c’è la visita all’isola di Torcello, sede di numerose chiese bizantine (un tempo era più popolata e più potente della stessa Venezia).

Lido di Venezia

una settimana a venezia lidoLe capannine numerate che caratterizzano gli stabilimenti balneari di quest’isola, tra la Laguna veneziana e il mare Adriatico, hanno ospitato regnanti, artisti, celebrità, regalandole un fascino particolare. Oggi chiunque può godersi un tranquillo soggiorno al Lido di Venezia, località che dal 2009 è stata insignita della prestigiosa Bandiera Blu per la qualità delle sue acquee che a settembre di ogni anno ospita la Mostra Internazionale del Cinema.

Il Lido riserva anche altre sorprese come l’antico monastero di San Nicolò, cuore storico e monumentale dell’isola e il borgo di Malomocco, una piccola Venezia con calli, campielli, e case addossate le une alle altre. Non manca lo stupore dei paesaggi tra i quali l’oasi protetta del WWF delle dune degli Alberoni – con la sua ricchezza di specie animali e vegetali – e naturalmente la Laguna con i suoi suggestivi scenari. La vacanza estiva al Lido significa anche sport e divertimento, con impianti dedicati a numerose le discipline tra cui il rinomato campo da golf agli Alberoni, uno tra i più belli e antichi d’Italia.

Escursioni nei dintorni di Venezia

Potreste organizzare al meglio la vostra vacanza a Venezia e pensare magari di fare un’escursione giornaliera a Treviso piuttosto che un tour a Verona per vedere dove Giulietta e Romeo si promettevano eterno amore. Ci sono molte possibilità su quali città visitare in un giorno (o mezza giornata) senza allontanarsi troppo dalla vostra vacanza di una settimana a Venezia.

Verona

gita-verona-una-settimana-a-veneziaL’escursione giornaliera a Verona è imperdibile se non siete mai stati nella città scaligera e vi rimane una giornata libera dopo aver visitato Venezia!

Verona si raggiunge molto facilmente con il treno partendo dalla stazione di Venezia Santa Lucia. Durante tutta la giornata ci sono treni circa ogni mezz’ora sia all’andata che al ritorno. La maggior parte dei treni sono freccia bianca ed impiegano per arrivare a Verona poco meno di un’ ora. Ci sono inoltre circa 8 treni regionali al giorno che impiegano poco meno di due ore e costano meno

Arrivati alla Stazione di Verona Porta Nuova (la stazione centrale di Verona) potete richiedere una mappa della città ed altre informazioni presso l’ Ufficio di Informazioni Turistiche che si trova in stazione. Dalla stazione potete muovervi direttamente a piedi, piazza Brà in centro a Verona, dista circa 15 minuti.

Verona è famosa in tutto il mondo per essere la città di Romeo e Giulietta e per l’ Arena Romana. Oltre a queste due attrazioni Verona è una città molto bella con un bel centro storico medievale, romantici quartieri sulle sponde del fiume Adige e numerosi siti di interesse culturale; non per nulla è la 4° città italiana per visite turistiche preceduta solo da Roma, Venezia e Firenze!

La principale attrazione della città è l’ Arena di Verona (ingresso 6 euro) del I sec. a.C., l’ Arena è il terzo anfiteatro romano per dimensioni e forse quello meglio conservato. Da maggio a settembre l’ Arena ospita numerosi concerti e la famosa stagione lirica.

La piazza antistante l’ Arena è Piazza Brà, una delle piazze più grandi e belle della città, da qui parte via Mazzini, via dello shopping, che vi porterà in pieno centro storico dove potrete vedere Piazza delle Erbe, Piazza dei Signori, la Torre dei Lamberti e nelle vicinanze la famosa casa di Giulietta (ingresso 6 euro).

Nella casa di Giulietta potrete ammirare il famoso balcone dell’opera di Shakespear, la statua di Giulietta e la casa-museo con numerosi reperti che testimoniano la vita quotidiana dell’ epoca di Romeo e Giulietta. Altre attrazioni da non perdere a Verona sono: il Teatro Romano (ingresso 4,50 euro), la Tomba di Giulietta, il Duomo e la Basilica di San Zeno.

Per chi invece vuole farsi guidare da una guida specializzata potrebbe prenotare:

  • Attraverso il tour della città di Verona. potreste ammirare le imponenti mura e il Ponte Pietra che attraversa l’Adige prima di iniziare a visitare la città a piedi. Dirigiti verso l’Arena di Verona, un anfiteatro romano eccezionalmente conservato che ospita meravigliosi spettacoli operistici nel periodo estivo e scoprite il ruolo importantissimo che Verona ebbe durante l’Impero Romano.
  • Per gli amanti della bici potreste provare il tour della città in bicicletta che vi permetterà di ammirare con una guida esterna i siti storici e gli angoli meno conosciuti del centro storico, da Piazza delle Erbe al belvedere di Castel San Pietro.
  • Per chi volesse scoprire ciò che la città può offrire per quanto riguarda la loro tradizione culinaria, allora guardate il tour enogastronomico a piedi.

Treviso

gita treviso una settimana a veneziaInnanzitutto la città può essere raggiunta in due modi principalmente. Potreste prendere l’autobus che in poco più di mezz’ora da Piazzale Roma vi porterebbe a Treviso (o più costoso taxi). Oppure con il treno ci impiegate un po’ di meno partendo da Venezia Santa Lucia. Tutte le informazioni riguardanti gli orari, i biglietti, i prezzi e altro le trovate sul sito dell’ACTV o chiedete alle biglietterie presenti in loco prima di partire.

Treviso è una città con pochissime attrazioni straordinarie, eppure è piena di angoli romantici e incantevoli piazze. All’interno delle storiche mura cittadine si è conservato un piccolo borgo medievale, che merita una visita in ogni caso. Edifici storici e strette viuzze medievali, antichi mulini ad acqua, canali pittoreschi e bellissimi porticati caratterizzano l’immagine della città. Venite a visitare Treviso e scoprite un mondo immutato dal tempo con piazze e luoghi incantevoli.

All’interno delle mura cittadine di Treviso, il visitatore scoprirà un bellissimo centro storico con la bellissima piazza dei Signori, con i suoi magnifici palazzi. Tenete conto che, per visitare la città di Treviso, ci vorrà mezza giornata o anche un’intera giornata, a seconda della vostra voglia e della condizione fisica.

Gli appassionati di cultura dovrebbero fare ora una scappatina al Museo Luigi Balio, dove sono esposti i dipinti di famosi artisti veneziani. Fate una capatina alla Chiesa di San Nicolò, dove potrete ammirare gli affreschi di Tommaso da Modena e prendendo la Via Angelo Garbizza, raggiungerete Piazza Duomo, dove sorge la monumentale Cattedrale di Treviso. Direttamente dietro il Palazzo dei Trecento troverete la Piazza San Vito con due belle cappelle.

Da qui raggiungerete in pochi passi la piccola isola fluviale sul Canale Cagnan con il famoso mercato del pesce. Dal quest’ultimo prenderete la Via San Parisio fino alla Chiesa di San Francesco, che custodisce la tomba di Pietro, figlio di Dante. Infine vi consigliamo di fare una breve passeggiata fino alla Porta San Tommaso, dove potrete godere di un magnifico panorama delle Alpi.

Se volete fare una piccola pausa per riposare un po’, potrete scegliere tra i numerosi caffè e locali, sparsi sia in Piazza dei Signori che in tutto il resto della città.

Altre cose da sapere prima di partire…

Volevamo concludere l’articolo con dei suggerimenti per attrezzarvi al meglio nel caso in cui:

Raccontateci la vostra esperienza e lasciateci dei commenti sulla vostra vacanza di una settimana a Venezia! Volevamo lasciarvi con questo stupendo video che vi darà una panoramica di cosa potete fare e vedere in città durante il vostro soggiorno! Se volete guardarne altri allora vi consiglio i 10 video più belli su Venezia!

Condividi con:
Commenti
  • Io e mio marito ci siamo presi una settimana per una bella vacanza a Venezia. Settembre secondo me è il periodo ideale per godersi la città e credo proprio che seguiremo alcuni dei vostri consigli!

    6 settembre 2017

Lascia un commento